Notizia

centro estetico campi bisenzio

Scleroterapia o terapia con sostanze sclerosanti Scleroterapia centro estetico campi bisenzio. Per il trattamento o la cura delle vene varicose oggi possiamo seguire due strade: una è rappresentata dall’intervento chirurgico che mira ad eliminare la vena malata, l’altra strada invece mira a chiudere la vena ed è appunto la terapia sclerosante.

In cosa consiste la scleroterapia ?:
La terapia sclerosante è una terapia iniettiva che mira a chiudere la vena malata. Con un piccolissimo ago viene iniettato il farmaco sclerosante che fa collassare le pareti del vaso che prima si chiude e poi si disintegra fino a scomparire. Con ogni trattamento i capillari diventano sempre più
chiari fino a scomparire. La scleroterapia interviene sui capillari e sulle venule malate e non altera in alcun modo il sistema circolatorio, quindi la terapia deve essere considerata sicura.

L’intervento con agenti sclerosanti ha lo scopo di chiudere le vene malate ma purtroppo non ha valore preventivo, quindi il problema delle vene varicose potrebbe ripresentarsi.
La scleroterapia è un trattamento medico che può essere consigliato a pazienti maschi e femmine di qualsiasi età in condizioni di salute e che non presentano patologie importanti del sistema circolatorio degli arti inferiori.
Le donne in gravidanza o in allattamento non dovrebbero sottoporsi a sedute di scleroterapia; le teleangectasie possono facilmente presentarsi durante la gravidanza ma spesso scompaiono completamente in modo spontaneo nei due o tre mesi successivi al parto.

Come per tutti i trattamenti medici, anche nel caso della scleroterapia è molto importante rivolgersi ad un medico estetico con molta esperienza in merito; i vasi da trattare sono molto piccoli, per cui sono richieste manualità ed esperienza, ed è altrettanto importante saper scegliere il farmaco giusto per trattare le vene malate. Con queste attenzioni si riducono al minimo i rischi di eventuali complicazioni come la formazione di coaguli intravasali, reazioni allergiche al farmaco, ecc. che, sebbene rare, sono sempre possibili in medicina.

Durata del trattamento con sclerosanti
La durata del trattamento con sclerosanti è influenzata dall’estensione dell’area da trattare, cioè dal numero di vene malate e dalla soggettività con cui il paziente risponde al trattamento, quindi possono essere necessarie diverse sedute di scleroterapia per ogni distretto venoso.
Bisogna sempre ricordare che la sostanza iniettata è un farmaco, e viene iniettata in una vena malata, quindi esiste una “soglia di sicurezza” nota al medico estetico e che non deve essere superata.

Dopo la seduta di scleroterapia
Dopo un trattamento con sclerosanti, tutte le attività sociali e non sociali possono essere riprese immediatamente, nessuna esclusa. Tuttavia, è preferibile indossare calze elastiche subito dopo il trattamento e camminare per 20 minuti. Le calze elastiche devono essere indossate per diversi giorni (una o due settimane) per accelerare il recupero e il processo di riassorbimento dei vasi trattati.

Si devono applicare delle bende sulla zona trattata dopo la seduta di sclerosi?
La risposta è sì; ‘un bendaggio elastico adesivo da applicare sulla zona trattata è necessario per l’ottimo successo della terapia con agenti sclerosanti, e in particolare nel caso di vasi di grandi dimensioni e da utilizzare in associazione con calze elastiche di compressione di tipo K1 o K2.

Effetti collaterali:
Se l’intervento viene eseguito dal medico, la procedura non è dolorosa, possono rimanere dei lividi che si riassorbono completamente in 7/12 giorni.
Cicatrici o altre complicazioni come le reazioni allergiche sono davvero molto rare.
Durante il trattamento di scleroterapia e soprattutto quando si trattano vene molto dilatate è possibile incorrere nella formazione di piccoli noduli che possono essere abbastanza fastidiosi.

Di solito tendono a scomparire con l’uso di creme post-trattamento.
A volte è necessario drenare il coagulo intrappolato all’interno del vaso. Aiutandoci con un ago molto piccolo ed esercitando una leggera pressione sul nodulo che tende a scomparire rapidamente senza lasciare tracce.
Nell’improbabile ma possibile eventualità che si verifichi un processo infiammatorio riconoscibile nella microflebite (spesso doloroso), accompagnato da rossore, è utile continuare ad indossare calze elastiche e iniziare una terapia antibiotica e antinfiammatoria per una settimana/dieci giorni. Il processo infiammatorio si ridurrà fino a scomparire definitivamente.

approdo resort thalasso spa san marco, castellabate sa

Il sistema si divide tra “RESORT” approdo resort thalasso spa san marco, castellabate sa se la prenotazione si riferisce ad una delle nostre suite, e “THALASSO SPA” se si riferisce ad accessi, massaggi o trattamenti presso il centro benessere. 2 di 3 hotel a San Marco e valutato 4,5 su 5 su Tripadvisor. Cappella di San Giovanni (XVIII secolo): appartiene alla famiglia Forziati. La zona di Santa Maria, anche prima della fondazione di Castellabate, era dedita esclusivamente ai traffici commerciali, che riguardavano le merci (paglia e farina) sbarcate dal porto “Travierso” o “delle Gatte” a via Pagliarola, dove si trovavano gli edifici storici, il vecchio forno e la cappella della confraternita dei Frati minori.

Lo stemma araldico comunale è uno scudo in cui vi è raffigurato l’abate Costabile Gentilcore, patrono e fondatore di Castellabate, con dietro il castello (denominato “Castello dell’abate”) da lui stesso progettato per difendere il paese. Si evidenzia che i predetti dati potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità in caso di reati informatici ai danni del sito di Azienda o ad altri siti ad esso connessi o collegati: salva questa eventualità, allo stato i dati sui contatti web non persistono per più di pochi giorni. In questa categoria di dati rientrano gli “indirizzi IP” o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l’orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server web, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server web (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo ed all’ambiente informatico dell’utente.

Un viaggio tra artisti, libri, manifestazioni culturali e protagonisti delle cronache del nostro tempo. Il giorno della commemorazione dei defunti è consuetudine nelle case delle famiglie di Castellabate far cuocere i “cicci”, un misto di grano, granone, ceci e fagioli. SUITE: Ingresso soggiorno 2 divani letto, Caffetteria, Camera matrimoniale, Bagno con doccia, Terrazzo sul mare, Frigobar, Cassaforte .ANIMAZIONE: Animazione per adulti, animazione per bambini, mini club, i nostri animatori specializzati si occuperanno dei bambini dai 3 anni in poi. 20 anni di reportage giornalistici. Raffaele Piscopo. Presentazione di Marisa Russo con la partecipazione di Anna Maria Cappuccio e di Maria Rosaria Verrone.

Domenica 16 agosto, ore 21.30 – Presentazione del libro autobiografico della giornalista e critico d’arte Marisa Russo “Profumi, memorie di vita”. Presenta Gennaro Malzone; ore 22.00 – Presentazione della ricerca storico religiosa sul V Abate di Cava de Tirreni dal titolo “L’Abate Simeone, dalla Badia di Cava a Castellabate per la grande riforma araria” di Gennaro Malzone. Introduce Gennaro Malzone; ore 22.00 – Rosaria Zizzo presenta “Edizioni ordinarie. Teatro Sociale”, Terra del Sole Editrice. Il centro benessere con l’acqua di mare, rappresenta l’esperienza di benessere totale, poiché la terra e dunque la vita stessa ha radici nell’acqua, come citava il maestro Parmenide che visse in questa Terra.

Un confronto aperto per parlare di sviluppo per il territorio, di iniziative in essere per la promozione turistica del Cilento e di sinergie possibili per una terra dalle potenzialità da valorizzare, già aggregate intorno al distretto turistico Cilento Costa Blu. Tracce di vita nel periodo neolitico nell’area di Tresino sono attestabili dalle selci e un’ansa attribuibile alla cultura di Diana rinvenute. Presiede Luisa Maiuri, Assessore alla Cultura ed al turismo del Comune di Castellabate. Nel centro storico di Castellabate (SA) torna per la seconda edizione un appuntamento del tanto atteso periodo natalizio, che vuole far rivivere le proprie origini, le proprie radici. Le principali attività agricole riguardano prevalentemente prodotti di qualità, come l’olio Cilento DOP, il fico bianco del Cilento DOP, i limoni, i pomodori (per le conserve) e il vino (come il Tresinus, il Paestum IGT e il Cilento DOC).




2/2